• TROFEO LUCA ZINI
  • MEMORIAL DOMENICO PRAIALE
  • INDOOR
  • RAGGRUPPAMENTO PRIMAVERILE PRIMI CALCI

Tornei

Ai nostri tornei vincono tutti: giocatori, accompagnatori, pubblico.

che siano sempre delle feste di sport

I nostri tornei sono momenti di festa e di sport. Tutti vengono premiati

 Durante i nostri tornei, vincere è l'ultimo dei problemi. Giocare bene, quello si. E giocarsela con tutti. Non vengono tollerati atteggiamenti aggressivi da parte di atleti, dirigenti, istruttori e pubblico, pena l'allontanamento dalla manifestazione.

Ai nostri tornei si incita la propria squadra, ma non si denigra quella avversaria. Se c'è da applaudire una giocata la si applaude, che sia fatta dai nostri beniamini o dagli altri che sono venuti a trovarci.

In fondo il segreto del calcio giovanile è tutto qui: si gioca, si ride, si fa gruppo.

 

"vinco solo quando mi diverto"

ORGANIZZAZIONE METICOLOSA.

 

Organizzare un torneo, magari con molte squadre, magari su più campi, magari con squadre che arrivano da lontano non è proprio semplice.

Negli anni ci siamo specializzati a tal punto da riuscire a fare un torneo con 56 squadre in 3 categorie in due giorni, dando da mangiare a tutti e mettendo tutti nella condizione di poter giocare in assoluta serenità.

Il torneo è solo il finale di un lavoro di organizzazione, preparazione, dislocazione di uomini e mezzi che dura mesi. Di riunioni a tarda sera e divisione dei compiti.

Ad ogni squadra invitata viene inviato il programma dettagliato almeno 15 giorni prima dell'evento, con calendari, informazioni utili su come arrivare e dove giocare, come prenotare i pasti, quale sarà il regolamento e altro.

Dovete solo arrivare fin qui e giocare, al resto pensiamo noi.

Giocare. Dare la possibilità di giocare a tanti ragazzi e ragazze, tutti insieme è la soddisfazione più grande che possiamo avere.

FAIR PLAY

 

Nei nostri tornei, il Fair Play è un OBBLIGO. Nelle categorie che lo prevedono vige l'autoarbitraggio, e teniamo in particolar modo che sia rispettato.

Non vengono tollerati in alcun modo atteggiamenti aggressivi da parte di nessuna componente (atleti, istruttori, dirigenti, pubblico), pena l'esclusione dalla manifestazione del singolo ed addirittura di tutta la squadra o di tutta la società se presente con più squadre.

Non vengono tollerati atteggiamenti atti a "copiare" quello che di brutto c'è nel calcio dei grandi: simulazioni, esultanze eccessive o discriminatorie, perdite di tempo. Il risultato di un incontro è VERAMENTE l'ultimo degli interessi da parte dell'organizzazione.

Non vengono tollerati "giochetti": tutti i bambini devono giocare, e viene controllato che così sia.

Se pensiamo TUTTI che il risultato numerico di un incontro non sia fondamentale, che la differenza fra vincere giocando male e perdere giocando bene è abissale in favore della seconda, allora  giocare in modo giusto è più facile per tutti.