6 Febbraio 2023

Un punto guadagnato

2 min read
Torniamo da Torino con il Carrara 90 con un solo punto e non con il bottino pieno, come noi tutti avremmo voluto. Peccato, ma dobbiamo guardare sempre il bicchiere mezzo pieno e contro il Carrara 90 non abbiamo fatto una bellissima partita ed abbiamo acciuffato il pari solo in pieno recupero, grazie ad un neo entrato, Ferrari. Per come si era messa la partita, con i padroni di casa in vantaggio al 25′ della ripresa. 
 
Contro il Carrara 90 volevamo bissare il successo maturato nella gara d’andata, ma rispetto ad allora abbiamo anche incontrato una squadra molto cambiata a livello di organico e qualitativamente migliorata con il mercato di riparazione di dicembre. Questo aspetto però non dev’essere certamente un alibi, stiamo attraversando un periodo di forma non eccezionale, con qualche singolo che a livello fisico non è al 100%, ma nessun dramma, ci mancherebbe: a conti fatti siamo ancora peraltro in zona playoff, mentre per arrivare alla quota salvezza mancano ancora 14 punti ed al termine della stagione ci sono ancora 14 partite. Era comunque importante muovere la classifica e conquistare i primi punti del 2023, ora però nel prosieguo della stagione dobbiamo tornare anche a conquistare i tre punti, che anno morale, oltre a tornare a giocare il calcio che noi tutti abbiamo ammirato soltanto fino a qualche mese fa.   
 
CARRARA 90 1
 
QUINCITAVA 1
 
CARRARA 90: Mussino, Carvelli, Vecchio (40′ st Arena), Masinera (40′ st Cusenza), Imperadore, Carangelo, Salerno, Cantele, De Martiis (11′ st Castellano), Concilio (11′ st Federici), Clori. A disp: Sommi, Bertini, Del Frari, Gaetano. All. Ricco.      
 
QUINCITAVA: D’Auria, M. Scala (41′ st Mattioli), Nicolasi, Pinet (34′ st Capussella), Ceresa (47′ st Zenerino), S. Scala, Vergano, Zoppo, Yon (20′ st Giglio Tos), Vignali, Scaglia Rat (10′ st Ferrari). A disp: Monetta, Destalis, Gavoto, Conforti. All. Vernetti.  
 
ARBITRO: Rocca di Bra.
 
MARCATORI: al 25′ st Salerno (C), 46′ st Ferrari (Q).  
WhatsApp
Telegram
Email
Print
Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *